fbpx
Novembre 19, 2019

Il Triphala è un antico rimedio ayurvedico polierbale. Come dice il nome stesso (in sanscrito “tri” = tre e “phala” = frutti), è composto da tre frutti essiccati, in precise proporzioni: amla, bibhitaki e haritaki.

AMLA

È ricchissima di antiossidanti naturali. Contiene un alto quantitativo di flavonoidi, come la quercitina, alcaloidi (lignani) come la phyllantina e la phyllantidina, vitamina C, minerali, proteine e amino acidi, come acido glutammico, acido aspartico, prolina, alanina, cistina e lisina.

BIHITAKI

È’ ricchissima di acidi grassi essenziali e Vitamina A. Viene utilizzata con risultati sorprendenti per la cura dei capelli, e come potente anti-age. Rafforza e stimola la crescita capillare, e rappresenta un valido rimedio naturale perla cura dell’ALOPECIA. Usata sinergicamente con altre erbe riflessanti come l’amla, attraverso impacchi e ad un massaggio riattivante della circolazione del cuoio capelluto aiuta infatti a rinforzare i capelli e a stimolarne la ricrescita. Si dice anche che aiuti a raggiungere il tono freddo nelle colorazioni con hennè.

HARITAKI

Ha un alto potere antiossidante. È ricca di tannini idrolizzabili (30-40%), per lo più ellegitannini chebulici, e poi flavonoidi, saponine, aminoacidi, β-sitosterolo.  Utilizzato sui capelli aiuta a prevenire la caduta, la forfora e i capelli bianchi, promuovendo la ricrescita. L’uso regolare aiuta a mantenere il colore naturale dei capelli.

Il Triphala nell’Ayurveda

L’Ayurveda lo considera un “tridoshico rasayana” ossia un promotore della longevità adatto a tutti, indipendentemente dalla propria costituzione. Infatti, ha la capacità di riequilibrare i tre dosha (Vata, Pitta e Kapha), quelle sostanze bioenergetiche che regolano le funzionalità dell’organismo, sia fisiche che mentali, e che garantiscono una buona salute, se sono mantenute in equilibrio. Tridoshico, quindi.

In più il Triphala è “Rasayana” e noi sappiamo che l’Ayurveda chiama “Rasayana” le piante che aiutano a mantenersi giovani a lungo. L’analisi della composizione chimica dei tre frutti che lo costituiscono ci conferma che è ricco di antiossidanti.

Composizione e benefici

I più comuni composti di polifenoli contenuti nel Triphala sono gli acidi fenolici (acido gallico, acido tannico, acido siringico ed epicatechina), i flavonoidi e i tannini.

Il maggior fitocostituente è l’acido gallico che ha varie proprietà: antiossidante, antimicotico, antivirale, antiinfiammatorio, anti-aterosclerotico, epatoprotettivo, cardioprotettivo, cardiotonico, citoprotettivo, antimutageno, anticancro.

Il Triphala non è un rimedio conosciuto da poco in Europa ma entra a far parte della farmacopea europea già dal Medioevo. Solitamente assunto per via orale, risulta utile in caso di varie patologie interne in particolare per problematiche legate all’apparato digerente e disturbi intestinali.

Per uso esterno, come nel caso della cosmesi, il Triphala risulta un valido aiuto nel rafforzare i capelli, promuoverne la crescita, rallentarne l’ingrigimento e mantenerli giovani.

Essendo ricchissimo di antiossidanti, aiuta a mantenere i capelli giovani a lungo.

 

Acquista QUI tutti i prodotti della categoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X